Ninja assassin

Ninja assassin locandinaNinja assassin non è nient’altro che ciò che lascia intuire il titolo. Un film su un ninja assassino. Chiaramente questo non dice molto sull’effettiva qualità della pellicola. Si può aggiungere vi recitano Shō Kosugi, reale esperto di ninjutsu, nonché volto cinematografico del ninja in svariati film,  dagli anni ’80 in avanti (e anche modello di Rikimaru in Tenchu, fra l’altro), e il bello e bravo cantante pop Rain in veste di protagonista.

Il tutto coordinato e diretto da James McTeigue, già regista di V per Vendetta, e prodotto dai fratelli Wachowski, padri di Matrix.

Si tratta dunque di un film occidentale su tematiche prettamente orientali, strada impervia e lastricata di buone intenzioni divenute pessimi film. Diversamente da L’ultimo samurai, tanto per fare un esempio, qui non si trova la fascinazione poetica per un passato in evanescenza, rappresentato come in una cartolina d’autogrill (Tom Cruise samurai?) ma la trasposizione moderna e attualizzata di una figura da sempre apertamente simbolica e carica di fascino, qual è, appunto quella del ninja.

Ninja assassin - OzunuIn breve il film narra le vicende di Raizo, un ninja del clan Ozunu, cresciuto nel rispetto dei principi etici, filosofici ed esoterici della propria arte, che però rifiuta, a causa della negazione del valore della vita umana imposta dalla disciplina, che non esita a punire con la morte ogni fallimento, tradimento, debolezza. Una dottrina superomistica, che promette l’ottenimento di capacità straordinarie, sacrificando però il libero arbitrio, i propri sentimenti, e dunque la propria anima. Per muoversi come un ‘ombra occorre essere un’ombra: questo sentiero di vendetta, che si scopre solo in una fase avanzata del film, attraverso una ben riuscita commistione di flashback e azione presente, porta ovviamente l’eroe a fare i conti col proprio passato, e a scontrarsi con la sua nemesi, il cattivissimo e fortissimo capo-clan (Shō Kosugi).

Chi ha presente la scena della resa dei conti coi coltelli sul finale di V per Vendetta potrà facilmente figurarsi il taglio generale del film, molto action, violento, iperbolico. Non ci sono i voli col  wire-work tipici dei wuxia-pian cinesi (Hero, La tigre e il dragone, ecc…), ma scontri all’arma bianca (katana, kusari-gama, shuriken) molto efferati, con ettolitri di sangue, amputazioni, smembramenti. Non si tratta dunque di una storia poetica e delicata, anche se la trama rimanda a intrecci relazionali stereotipici ma efficaci, nel costruire affetti, ricordi, motivazioni per il dilagare della violenza.

Ninja assassin- RaizoPiace il connubio fra le ambientazioni metropolitane europee e il villaggio nascosto dei ninja, vero campo di addestramento paramilitare. Anche se la trama manca della necessaria profondità e originalità per elevare la produzione al di sopra della cinematografia di genere, la godibilità è comunque assicurata da buone scelte stilistiche, che privilegiano la concretezza e la matericità, le quali contribuiscono a rendere, se possibile, un po’ più credibili le gesta di questi performer marziali. Sembra a volte di trovarsi all’interno di uno degli ultimi episodi di Ninja gaiden, scevri dalla componente sovrannaturale, ed è davvero divertente assistere a questi scontri one-vs-many, dove il turbinare di armi e arti in movimento ha un non so che di futurista, nel modo in cui satura lo schermo.

A livello recitativo si nota, come sempre in questi casi, la grande differenza espressiva fra gli attori occidentali e orientali, differenza che però contribuisce a tenere separati i due mondi presentati, la luce del sole e l’ombra della notte, e rende bene il senso di chiusura e schiavitù morale in cui si muovono i ninja, carnefici ma allo stesso tempo vittime, contrapposto alla relativa libertà e vitalità del mondo esterno.

In definitiva un film efficace e diretto, che riesce a intrattenere e divertire, traendo spunto dalla cinematografia di genere, che viene debitamente omaggiata (Bandiera gialla, La rabbia giovane), nonché dal vasto e vario sottobosco culturale delle arti marziali, dei manga (Basilisk, Ninja Scroll, Samurai Champloo) e dei videogame (Ninja gaiden, Shinobi, Ninja blade). Un piacevole diversivo ai tradizionali action-movie, ai tradizionali asian-movie, e alla noia, per riempire un freddo pomeriggio invernale con un pò di esuberante epicità marziale.

Non temere l’arma, temi chi la impugna.

Annunci

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.