Il passato in musica

GnR - The spaghetti incident1993: età anagrafica del sottoscritto pari a 11 anni. usciva “The spaghetti incident”, disco di cover (invero piuttosto interessante) a firma Guns n’ Roses, fenomeno rock mondiale finora a me sconosciuto, come, all’epoca, tutto il resto della musica di un certo tipo. Prima di allora la differenza principale stava non nell’assenza/presenza di musica di qualità nelle mie orecchie, ma nella volontà di cercarla, conoscerla, e poi pure suonarla.

Iron Maiden - The number of the beastCirca un anno di monomania G’n’R, dalla quale se ne uscirono gli Iron Maiden, e con essi (siamo nel 1995) lavoretti estivi per potersi finanziare la loro discografia. Nottate a servire e sparecchiare nelle più amene feste campestri, pagato (poco) a cottimo. I doppi CD in questione, ora un’edizione piuttosto rara, costavano 22.000 lire. Tanta roba.

Metallica - Master of puppetsIl ’96 in questa storia verrà ricordato come anno dei Metallica, four horsemen di cui faccio la conoscenza nel modo peggiore, attraverso “Load”. Fortunatamente insieme a esso (o la settimana successiva) avevo acquistato il “Black album”. Già meglio, ma niente in confronto allo shock di “Master of puppets”, avvenuto di lì a poco. Come per molti strimpellatori di sei corde, anche per il sottoscritto quel disco ha significato molto, in termini di ispirazione, studio, ore e ore di prove. Già, perché risale a quei giorni ormai mitologici la prima fun-band liceale, che allegramente se ne andava in giro per sale prove, con bus, treni, e altri mezzi di fortuna, stipati di custodie, strumenti e cavi, facendo finta di suonare.

Darkthrone - Ablaze in the northern skyEmperor - In the nightside eclipseFatta la conoscenza col thrash, il passo verso il metal estremo era assai breve, e siccome in quegli anni era il black metal a essere sulla cresta dell’onda, venire in contatto con quelle sonorità fu abbastanza facile. In primis furono i Cradle of Filth, e poi Darkthrone, Dimmu Borgir, Satyricon, Emperor, Mayhem, Carpathian Forest, Immortal. I soliti noti della nera fiamma, ma fondamentali tasselli di un mosaico di conoscenze musicali.

Anathema - Alternative 4Katatonia - Brave murder dayVoivod - NothingfaceIn quegli anni travagliati di adolescenza scapestrata è più che probabile che la misantropia norrena abbia risuonato con facilità nell’inquieta interiorità che mi contraddistingue, formando un composto altamente instabile e infiammabile, rinvigorito da innesti doom, death, gothic. Di tutto un po’, insomma, fra i quali scoperte fondamentali furono, fra gli altri, Anathema, Ulver, Katatonia, Moonspell, Dark Tranquillity, My Dying Bride, Voivod, Enslaved. Curioso addendum alla ricetta di cui sopra, il grunge (sacra trimurti di  Seattle: Pearl Jam, Alice in Chains, Soundgarden), certo agli antipodi per sonorità, ma non del tutto estraneo come atmosfere emozionali.

KornTool - Aenima2000. Cambio di secolo, cambio di sonorità. Arriva il ciclone nu-metal, e un altro tipo di agitazione in musica, rappresentato da Korn (primo ascolto casuale in un centro commerciale francese, estate ’99), System of a Down (siamo già all’università), Mudvayne, Disturbed, Slipknot e, soprattutto, DeftonesTool.
Chino, Maynard e soci, nuova ossessione, nuovo culto monomaniacale, che ha contribuito, e non poco, a riunificare frammenti e generi che si stavano un po’ perdendo nel cosmo interiore di una percezione sempre più ondivaga.

Opeth - Still lifeRadiohead - Ok computerShining - The eerie coldTool, e poi ancora Opeth, Radiohead, Dredg, Faith no more, Mr. Bungle, Agalloch, Mastodon, Isis, Rammstein, Xasthur, Yakuza, Shining, Burst, Pig Destroyer, Lifelover, in un fluire ininterrotto di esperienze in musica, che lentamente, insaziabili, s’allargano in ogni direzione, jazz, grindcore, folk, ecc…

Flash-forward, 2011, la passione musicale è sempre quella, e anzi, le si è aggiunta un’appendice critica, nella misura in cui delle recensioni possono essere considerate tali. Certamente una bellissima esperienza e opportunità di conoscere, spesso in modalità random, nuove realtà.

Trascritto in frasi di senso più o meno compiuto, questo passato in musica è tutto tranne che originale e anti-convenzionale, ma fa il paio con esperienze, vita vissuta, vita interiore, da esso indissolubili. Difficile immaginare la mia stessa esistenza senza questo background musicale, senza il costante flusso, non sanguigno, ma quasi, di tutta questa arte dei suoni.

Probabilmente poco, oltre la musica, ha potuto bilanciare e rovesciare la spinta (auto)distruttiva, e renderla, a suo modo, creativa, vitale.
Music is life, anche la più oscura, nichilista, aggressiva, è in realtà espressione di uno spirito positivo, o quanto meno trasformazione alchemica di impulsi negativi in esiti positivi.

E la magia dell’arte del suono sta fondamentalmente in questo, nella libera espressione del proprio io, oppure nel raccordo fra varie individualità, che concorrono a creare una narrazione sonica delle proprie sensazioni, del proprio personale Zeitgeist.

Mi fa sempre riflettere come sia possibile sentirsi così profondamente vicini e prossimi agli sconosciuti musicisti che si amano, che ci accompagnano giorno dopo giorno, album dopo album, quasi fossero degli amici a distanza, nello spazio, nel tempo.

  • Informazione non è conoscenza, conoscenza non è saggezza, saggezza non è verità, verità non è bellezza, bellezza non è amore, amore non è musica. La musica è il meglio. (Frank Zappa)
  • La musica è una macchina per sopprimere il tempo. (Claude Lévi-Strauss)
  • La musica fa suonare anche il legno secco e la pelle d’asino. E rende palpabili i sottili legami fra lo spirito, i corpi, le cose, che non ci stanchiamo mai di cercare, con buona pace dei matematici del benessere sensoriale. (Pierangelo Sequeri)
  • La musica, intesa come espressione del mondo, è una lingua universale al massimo grado, e la sua universalità sta all’universalità dei concetti più o meno come i concetti stanno alle singole cose. (Arthur Schopenhauer)
  • Mi piace pensare alla musica come a una scienza delle emozioni. (George Gershwin)
Annunci

4 pensieri su “Il passato in musica

  1. Post interessantissimo. Siamo quasi coetanei, tra l’altro. 🙂
    Magari ne scriverò uno simile, chissà.
    L’unica cosa che aggiungerei, se ti capita, é di dare una nuova possibilità a Load. Io l’ho rivalutato tantissimo, nel suo essere oscuro, pesante, con ste influenze nel riffing che vanno da Danzig al blues. Si, certo non é un disco thrash o metal, ma per me é superiore al black album se non altro per atmosfera. Fammi sapere 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Ciao, ti ringrazio.
      In effetti nel tempo ho riascoltato “Load” con un altro spirito… in linea di massima se non ci fosse in copertina il nome Metallica avrebbe avuto ben altre sorti… restano alcune belle canzoni dark, con un groove blues parecchio interessante, fra cui la migliore è, IMO, “Until it sleeps”… Disco davvero sfortunato…

      Il Black album da par suo contiene delle hit senza tempo, come “Enter Sandman”, “The Unforgiven”, “Nothing else matters” e “My friend of misery”, che hanno fatto la storia del metal commerciale anni ’90 come poche altre, per cui diventa difficile paragonarli.

      Sempre disponibile e lieto di condividere pensieri musicali, you’re welcome here! 🙂

      Mi piace

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...