Aenaon – Extance

Aenaon - Extance

Ormai è un dato di fatto, la scena ellenica è fra le realtà trainanti dell’attuale panorama estremo internazionale. Terra quantitativamente parca di talenti, sopratutto rispetto alla costante alluvione scandinavo-teutonica, ma d’altro canto assolutamente memorabili (Rotting Christ, Septicflesh, Necromantia), il nuovo corso black è segnato in tempi recenti da band più o meno underground, quali Acherontas, Amnis Nihili, Dodsferd, Hail Spirit Noir e Aenaon.

L’agguerrito quintetto della Tessaglia, già artefice dell’ottimo “Cendres Et Sang” (2011), è appena tornato sugli scaffali con “Extance”, impressionante manifestazione di forza espressiva, talento compositivo e brillantezza cross-culturale. Il risultato è qualcosa che difficilmente potrà essere surclassato, nel composito ma tuttavia ristretto panorama del cosiddetto progressive black metal. Aggettivo utilizzato davvero a ragion veduta, in considerazione del manifesto spirito di ricerca, ibridazione e, appunto, progresso delle sonorità, che, partendo da una base estrema dal pedigree nordico (Enslaved, Shining, Dødheimsgard), definisce i contorni di un’espressività singolare e personale, al tempo stesso consonante e dissonante, caotica e melodica, ma sempre e comunque ragionata, ben costruita e ottimamente arrangiata. Accanto al canonico parco strumenti metallico torna infatti a far capolino il sax, assieme a misurati ma fondamentali interventi di synth, che contribuiscono non poco alla riuscita finale di brani articolati e mutevoli.

Solitamente descrizioni del genere si associano ai classici “album della maturità”, meno ossessivamente violenti e folli, ma in realtà “Extance” non molla niente, nemmeno sul versante della pura aggressività, come dimostrano mazzate come “Deathtrip Chronicle” e “Der Mude Tod”. La parte più sperimentale della band emerge con più vigore nella seconda metà del disco, nelle atmosfere vagamente ihsahniane di “Closer to Scaffold” e “Palindrome”, ma sopratutto nell’eccentrico quanto azzeccato duetto vocale di “Funeral Blues”, la cui immediatezza melodica fa il paio con la catchy “Grau Diva”.

Rispetto a “Cendres Et Sang” tutta la band mostra ampi miglioramenti, e sopratutto la performance di Astrous dietro al microfono esalta al meglio la caleidoscopica girandola espressiva insita nel progetto, che ci regala un’ora abbondante di esaltante e sorprendente progressive black. Aenaon: un must per inaugurare nel migliore dei modi questo 2014 metallico.

Un pensiero su “Aenaon – Extance

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.