Khold > Til endes

Khold > Til endesTil endes”: fino alla fine. Sesto full-length album per i Khold, costola più o meno fluttuante degli altrettanto underground Tulus e parenti stretti dei più recenti Sarke.

Per chi ancora non li conoscesse i quattro osloensi capitanati da Gard hanno fatto parte del roster Moonfog del buon Satyr, facendo sempre bella mostra di un sound oscuro e iconoclasta, connotato soprattutto da grosse dosi di groove, quando rallentare e semplificare non era ancora cosa così diffusa.

Dal primo “Masterpiss of Pain” (2001) di acqua e cadaveri sotto i ponti ne sono passati tanti, ma non abbastanza da mutare le direttrici sonore del gruppo, che oggi si ripresenta, dopo uno iato risalente al 2008 (“Hundre år gammal”), forse col suo miglior album di sempre.

Il motivo è presto detto: “Til endes” colma buona parte delle lacune espressive dei Khold, ovvero velocità e freddezza esecutiva, recuperandole dalle radici stesse del metal estremo, in questo caso rappresentate dalla riuscitissima cover di “Troops of Doom” dei Sepultura (“Dommens Arme“), ma anche da brani dinamici come “Skogens Øye” e “Det dunkle dyp”, highlight di un agile dischetto, che in mezzora o poco più compie un ottimo lavoro, in materia di atmosfere, feeling e puro intrattenimento metallico.

Piacciono sempre, in questo senso, le vocals aspre di Gard, uno dei migliori in circolazione, IMHO, così come il connubio fra i riff cadenzati di Rinn e il basso, ben presente nel mixing, della new-entry Crowbel.

Pur non essendo il classico gruppo che fa la storia di un genere, non credo si possa biasimare o chiedere altro ai Khold, validi mestieranti e interpreti di un modo concreto, quasi artigianale, di fare e intendere il black.

Khold

Annunci

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...