From the depths #29: Galar

Galar - De gjenlevendeBergen, Norvegia. Se non il fulcro quantomeno uno degli hotspot della scena black scandinava, sia per quanto riguarda i grossi nomi (Taake su tutti) sia per l’underground, dal qualche emergono i Galar, duo composto da Kristiansen (screams, chitarre, basso) e Lautizen (clean vocals, fagotto, piano), a cui si è recentemente aggiunto in pianta stabile Myklebust (drums).

La band è in procinto di pubblicare il suo terzo album, “De gjenlevende” (it: il sopravvissuto), lavoro che dimostra tutte le ottime qualità in loro possesso. Ipoteticamente inquadrabili come un mix fra l’epica avanguardia dei primi Solefald e l’iconoclasta malvagità dei già citati Taake, i Galar propongono un impasto sonoro che al glaciale black d’ordinanza, per altro ben eseguito, associa parentesi d’archi, ottoni e piano, senza assolutamente sfociare nel sinfonico propriamente detto, ma anzi rimanendo saldamente ancorati alla disadorna violenza sonora tipica della tradizione di genere (cfr. “Natt … og taust et forglemt liv”).

Il risultato è un mix dalla sorprendente freschezza, che ha nella varietà uno dei suoi punti forti, assieme all’appeal epico che mai abbandona queste sei articolate composizioni, che traggono ispirazione dal folklore pan-europeo, letteratura e filosofia scandinava (cfr. “Tusen kall til solsang ny”), anche grazie all’opportuno lavoro di produzione, curato da Bjørnar Erevik Nilsen e Herbrand Larsen (degli Enslaved) presso i Conclave & Earshot studios.

Ben in grado di maneggiare minutaggi non indifferenti, sopratutto in campo black, i Galar convincono dunque su tutta la linea, e viene spontaneo chiedersi perché non siano già fra i big del genere in questione, sebbene sia forse proprio questa loro natura defilata a permettergli tale e tanta libertà compositiva, ben tradotta nell’entusiasmante qualità di “De gjenlevende”, che vi invito a testare ora, attraverso il loro soundcloud:

Annunci

Un pensiero su “From the depths #29: Galar

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.