No frills #19: Kres

KresKres: “la fine”, in polacco, anche se in realtà “Na krawędziach nocy” rappresenta a tutti gli effetti l’inizio della vera avventura artistica di questo interessante progetto atmospheric black-rock, imbastito da quattro misconosciuti ma assolutamente validi musicisti con base a Olsztyn.

Grandi ed eterogenee atmosfere, sempre in bilico fra doom, depressive rock e ortodosso black, caratterizzano le 7 articolate composizioni qui proposte, che, fatto salvo il considerevole scoglio linguistico, non alla portata di tutti, risultano davvero efficaci e coinvolgenti, nel loro dinamico incedere, assolutamente up-to-date, per quanto riguarda suoni, produzione e tecnica esecutiva (“Przyrzeczenie by ubiec zmierzch”, “Pogodzony”).

Tutto questo considerato è auspicabile augurare ai Kres un prossimo futuro all’altezza delle proprie evidenti capacità, che permettono loro di competere ad armi pari con nomi anche blasonati nel panorama estremo internazionale. Nel frattempo gustiamoci questo validissimi Na krawędziach nocy, debutto con gli attributi come capita di rado di sentire.

Annunci

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...