Di chiodi e peccatori…

Arcturus - Of nails and sinners

“Io so che senza di me Dio non può vivere un momento;
Se io vengo distrutto anche lui deve rendere l’anima.”
[A. Silesius]

Ti supplico, Dio al quale molti peccatori pregano,
Dalle profondità del baratro oscuro dove il mio cuore è caduto,
Espulso dalla tua noiosa grazia fino agli abissi dell’inferno,
Ti invito a smettere di biasimare il mio opposto, anzi unico, stile di vita.

Per eoni sono sceso giù,
Fino a che non ho visto la terribile verità,
di cui l’uomo non dovrebbe sapere mai.

Io, degradato portatore della tua luce sacra,
A cui mai più mi inchinerò,
Mi rialzo per vendicarmi con l’oscurità,
E la rabbia dei dannati scorrerà.

Sono stato cacciato dal seguito dei tuoi deboli angeli,
Svelato solo ai pochi che mi hanno cercato.

Un ribelle io ero, raggiante il mio splendore lontano,
La mia saggezza illuminata dalla stella del mattino.

Oh Sciocchi conformisti in fuga precipitosa dalla battaglia,
Quando crolla la creazione è necessario costruire di nuovo!
E coi chiodi che trafiggono le mie mani crescerà su una menzogna.
Ma Tu sai che dei due quello onesto ero solo io.

(Libera traduzione di “Of nails and sinners”Arcturus)

Annunci

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.