No frills #32: Slugdge

Slugdge > Dim & Slimeridden KingdomsNon fatevi ingannare dal monicker, qui non si tratta di sludge metal (lett. “metal del fango”) inteso come fusione fra doom, stoner e southern, ma di slugs: LUMACHE! Questo infatti il tema portante del bizzarro duo inglese, al traguardo del terzo album con questo “Dim & Slimeridden Kingdoms”.

Risulta credo già del tutto evidente la volontà se non demenziale quantomeno ironica degli Slugdge, che infarciscono anche questo nuovo lavoro di giochi di parole e riferimenti più o meno palesi alla storia del metallo pesante (Immortal, Slayer, Nile, RATM), tratteggiando un mondo viscido di bave di lumaca e altrettanto scivoloso.

Come e più del precedente “Gastronomicon” (2014), il duo del Lancashire si diverte a dare ampio sfoggio di capacità compositive e interpretative, attraverso brani articolati e mutevoli, che vanno dal death tecnico (“The Chapter for Transforming into a Slug”) al thrash più dinamico (“Spore Ensemble”). Il risultato è un’avvincente e divertente cavalcata, aleatoriamente simile a un ipotetico mix di Mastodon, Pan.thy.monium, Necrophagist, Sarpanitum, in ordine decrescente di notorietà.

Piace l’attitudine genuinamente DIY degli Slugdge, così come l’evidente competenza tecnica ad essa sottesa, quale fondamentale precondizione a divertirsi e divertire con la propria musica, senza nessun’altra pretesa se non la gloria delle lumache. Idoli.

Annunci

2 pensieri su “No frills #32: Slugdge

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...