La mia solitudine

Bruno Lauzi

Poiché ho dormito in compagnia
della mia solitudine
È diventata amica mia
una dolce abitudine
Non faccio un passo senza lei
fedele come un’ombra
Che mi ha seguito qua e là
agli angoli del mondo
No, solo non sarò mai se c’è la solitudine
Si piazza nel mio letto e poi
Non se ne vuole andare
L’alba ritorna e trova noi
che ci stiamo a guardare
Io non so ancora come può andare a finire
Non ho deciso ancora se andarmene o reagire
No, solo non sarò mai se c’è la solitudine
Lei mi ha insegnato cose che mi han fatto disperare
Se la ripudio torna a me non si può allontanare
Posso tradirla, questo si, ma solo di sfuggita
Lei fino all’ultimo sarà la grande favorita
No, solo non sarò mai se c’è la solitudine

(Bruno Lauzi)

Annunci

3 pensieri su “La mia solitudine

  1. Quando la solitudine si sceglie può essere davvero speciale, momenti per sé, per lasciare spazio alla propria anima e tornare poi agli altri rinnovati. E forse c’è sempre un angolo in cui la solitudine resta anche quando gli altri ci sono e li senti, e sono profondamente presenti. Il giardino segreto, dicono sia una cosa femminile, ma forse hanno tutti quell’angolo, solo che non tutti lo cercano e lo curano. Bella quella canzone.

    Mi piace

  2. non credo sia femminile avere un giardino segreto mio padre era un solitario e io lo sono sempre stata al punto che spesso mi isolo nel mio mondo anche quando gli altri mi parlano e ho imparato per non offendere nessuno ad ascoltare pur essendo distante io me lo sono curato ciao

    Mi piace

  3. Mi ha sempre fatto riflettere il fatto che in inglese il concetto di solitudine viene espresso con due parole diverse: solitude e loneliness, a significare rispettivamente il piacere e il dolore derivanti da condizioni di esclusione, volontaria o forzosa… Da un lato l’approccio del Lupo della steppa di Hesse, dall’altro Kierkegaard, come differenti consapevolezze di un essere soli come atto di libertà e autodeterminazione dell’io, della propria identità… riflettere e costruire attorno a queste considerazioni è davvero essenziale a una corretta manutenzione del nostro giardino interiore, affinché sia un luogo sereno e confortevole 🙂

    Mi piace

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...