The Morningside – The Wind, the Trees and the Shadows of the Past

I Morningside sono una band di Mosca, dedita fondamentalmente a un black-doom metal atmosferico e ricco di riferimenti culturali. Questo particolare sottogenere metallico ha indubbiamente avuto, nel corso del tempo, diversi esponenti di valore (October Tide, Saturnus, Woods of Ypres, Daylight Dies, Swallow the Sun, i nostri Novembre), abili a plasmare con dovizia di particolari, un sound di per sé facile ad apparire stucchevole e derivativo. Nel novero dei nomi più conosciuto manca però spesso quello di questi moscoviti, artefici invece di lavori di notevole caratura, che meritano sicuramente una riscoperta e valorizzazione.

Sebbene formatasi nel 1993, “The Wind, the Trees and the Shadows of the Past” (2007) è stato il loro effettivo debutto discografico, coronamento quindi di quasi 15 anni di composizione e prove.

Come è piuttosto immediato riscontrare, questo album ha una carica devozionale abbastanza palese coi capisaldi del genere citato, in particolare i Katatonia del periodo “Brave Murder Day” e gli Agalloch di inizio carriera (“Pale Folklore”). Ciò nonostante quello che i Morningside riescono a fare in questo disco è comunque intrinsecamente diverso da quello che hanno fatto i loro ispiratori.

The Wind, The Trees, and the Shadows of the Past” è un concept album sull’impermanenza delle cose, l’inevitabile fine dell’autunno e l’arrivo dell’inverno. Laddove “Brave Murder Day” mirava a trasmettere sentimenti di perdita e dolore, “The Wind, The Trees and Shadows of the Past” riesce a fare l’esatto opposto: invece di avvolgere il concept in un’atmosfera fredda e sconsolata, tipicamente doom, i Morningside optano per celebrarne l’unicità e l’utilità, quale parte essenziale del ciclo della vita e della natura. In questo senso “The Wind, The Trees and Shadows of the Past” condivide assolutamente lo spirito naturalista e pagano (nel senso positivo del termine) degli Agalloch,

I tre brani che formano il titolo sono vere e proprie suite, con diversi passaggi chiave e cambi d’atmosfera, che ben rappresentano il passare del tempo e il mutare della natura, grazie sopratutto a una performance strumentale concreta e coesa, che, malgrado il corposo minutaggio, non da l’impressione di perdersi per strada.

L’obiettivo dei Morningside con la sezione strumentale è di dare agli ascoltatori un senso di calore e di conforto, non di colpirli con rabbia indignazione al passaggio dell’autunno. Le linee di chitarra e di basso si integrano perfettamente tra loro, specialmente nelle sezioni più post-rock oriented, dove il basso di Ilya Egorychev assume regolarmente una posizione di punta.

Personalmente, il vero fascino di questo album, e con esso della scoperta della band, è nello stile di produzione e del sound di chitarrista, entrambi molto simili agli Agalloch. Il fatto che molte melodie siano accompagnate da una splendida chitarra doppia aiuta ad aggiungere più strati e profondità alle composizioni, nonché a stendere un opportuno tappeto sonoro per le vocals di Igor Nitkin, qui ipoteticamente un mix tra le tecniche vocali di Akerfeldt e Haughm, compresa la notevole voce pulita in The Shadows of the Past” (che non a caso verrà ripresa e approfondita nei dischi seguenti).

Complice anche l’uscita per la piccola indie BadMoodMan Music, il debutto dei Morningside non ha affatto ricevuto l’attenzione che meritava, mentre invece non sono mancati pareri superficiali, che si preoccupavano solamente di rilevare le similitudini a band più famose, diagnosticando conseguentemente la mancanza di personalità.

Annunci

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.